C come magazine

Bianco mangiar: ecco C come magazine n.26

Alzi la mano chi ritiene che il Trebbiano sia un grande vino che non vada accantonato. Adesso la alzi chi crede che il Montonico ne sia uno da riscoprire. E adesso chi ha capito che abbiamo un vitellone tutto nostro, il bianco razza marchigiana, che sposa il concetto della filiera corta; così come il latte d’asina, e quello di pecora, e i loro derivati come il cacio fiore aquilano. Alzi la mano chi non si accontenta di quello che sa e vuole conoscere, ad esempio, lo chef che C come magazine ha scelto di raccontare, Nicola Rapino di Francavilla al mare… Ok, adesso potete abbassare le mani, perché vi servono per leggere C come magazine numero 26!

Oppure sfogliatelo qui sotto.

Comments

comments