“C come Magazine” è il primo freepress a parlare di Abruzzo e di enogastronomia abruzzese distribuito presso tutte e quattro le province abruzzesi e scaricabile in formato .pdf  dal sito www.ccomemagazine.it.

Il magazine è un periodico, distribuito in 6.000 copie in tutta la regione, ed è diventando il nuovo punto di riferimento del territorio e dell’arte culinaria ed enogastronomica abruzzese.

“C come Magazine” è una rivista di 64 pagine con copertina plastificata lucida, un formato di 21×25 cm e una grafica assolutamente accattivante. Si lascia guidare dall’intuito e dalla curiosità nella scelta dei suoi contenuti e si avvale di firme già note nel panorama regionale, ma anche della collaborazione di penne emergenti. L’obiettivo è quello di richiamare l’attenzione dei lettori amanti delle tradizioni e dell’enogastronomia, ma anche del semplice amante della buona cucina che può essere interessato a nuovi luoghi dove mangiare o nuovi prodotti da provare e nuovi eventi da conoscere.

Sulla rivista troverete ricette magari anche inusitate, zoom su realtà che non sempre si conoscono e soprattutto un Abruzzo guardato con occhi giovani, con gusto e attenzione. Con “C come magazine” intendiamo raccontarci e raccontarvi il nostro Abruzzo, piano piano, cercando di non sbrodolarci addosso, con tutta l’onestà e la passione che possiamo offrire, e vogliamo farlo fermandoci a pensare, a mettere a fuoco.

“C come magazine” inoltre, è scaricabile in formato .pdf direttamente dal sito www.ccomemagazine.it, in modo da raggiungere anche gli utenti fuori regione o all’estero e da rivelarsi, quindi, un mezzo di comunicazione e di promozione dalle potenzialità pressoché illimitate.

Grazie ad una distribuzione capillare presso i principali bar, pub e locali di tendenza in tutto l’Abruzzo, riusciamo a comunicare la cultura enogastronomica e tradizionale del nostro territorio rendendo partecipe tutti gli abruzzesi degli eventi della regione. Difatti la distribuzione si articola in diversi step:

  • spedizione della rivista a più di 1000 aziende tra ristoratori, enoteche, botteghe alimentari e gastronomie;
  • distribuzione di 4000 copie presso i migliori bar delle 4 province abruzzesi più importanti.